Casa C

L’intervento è volto al recupero di un piccolo edificio posto a ridosso delle mura medievali della città, in grave stato di degrado, e alla sistemazione paesaggistica dell’area verde di pertinenza dello stesso. L’edificio adibito a magazzino, un tempo abitazione, viene riportato, con il progetto di ristrutturazione, alla destinazione originaria. L’immobile disposto su due piani è frutto di successive modifiche all’impianto storico originario del ‘900 su tessuto preesistente. L’intervento prevede il mantenimento della facciata in laterizio, come richiesto dalla soprintendenza ai BBA, trattata con stilatura dei giunti con malta speciale e riempimento delle lacune con coccio-pesto. Il resto del piccolo edificio viene mantenuto cercando di conferire, eliminando le superfetazioni e le incongruenze, un’immagine unitaria. Nelle finestre sul lato in facciavista vengono realizzate due imbotti in metallo per incorniciare e consolidare i bordi in laterizio. L’interno è caratterizzato dalla presenza di pochi elementi: la scala in metallo bianco con pedate in legno chiaro che passa dietro al volume essenziale del camino, il colore bianco che avvolge pareti e soffitto in legno per creare un ambiente luminoso e unitario, la pavimentazione grigio scura che contrasta con il candore delle pareti. L’area esterna sfrutta i dislivelli del terrapieno del Castello che vengono raccolti in un sistema di muri contenenti le scale di collegamento.

 …
Rovigo, 2006-2008
realizzato | completed

progetto | architectural design
navarriniarchitetti e associati
Franco Navarrini
Roberto Navarrini
Elena Lavezzo

collaboratori | collaborators Mauro Martarello
Elena Sette
Lighting Design Enrico Bozza

strutture | structural engineering
Pietro Pennacchietti

impianti | services engineering
Simone Riccardi
Sauro Melega (Studio G.Rossi)

impresa | contractor
Reale Giuseppino Srl

556 mq  309 mc

cliente | client Comune di Rovigo